Ippocraterosa

Ippocraterosa
Magazine di medicina, salute e benessere
Vai ai contenuti

Menu principale:

VEGETARIANI:
COMPENSARE LE CARENZE ALIMENTARI CON INTEGRATORI VITAMINICI DEL GRUPPO B

In Italia i vegetariani costituiscono oltre il 6 per cento della popolazione. Quasi un terzo (31 per cento) ha scelto questo stile alimentare per rispetto degli animali, un quarto (24 per cento) per motivi di salute, il rimanente 9 per cento per tutelare l’ambiente.
L’alimentazione vegetariana ha un impatto positivo sulla salute: diminuisce i rischi di ipertensione, di diabete di tipo 2, riduce i livelli di colesterolo, incidendo soprattutto sui valori di LDL, il colesterolo cattivo, e riduce il peso corporeo, principale fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.
“Non sono però tutte rose e fiori” - afferma Diana Scatozza, medico farmacologo e specialista in Scienza dell’Alimentazione “Un famoso studio inglese, su un campione di 65 mila soggetti, ha rilevato un aumento del 30 per cento del rischio di fratture nei vegetariani e una carenza patologica di vitamina B12.” La carenza di vitamina B12 è associata a disturbi neurologici e all’aumento dell’aterosclerosi, cioè dei danni alla circolazione responsabili del rischio di malattie cardiache. “Sembra un paradosso, ma è così. Lo sostengono anche i risultati di un’indagine condotta in Austria, l’Austrian Health Interview Survey, nell’ambito di uno studio che ha valutato lo stile di vita di 1.320 soggetti, compresi alcuni fattori che potessero abbassare o aumentare il rischio di determinate malattie. Di questi soggetti, 330 erano vegetariani, 330 mangiavano carne con un consumo elevato di frutta e verdura, 300 mangiavano poca carne e, infine, 330 soggetti seguivano un’alimentazione ricca di carne. I risultati hanno evidenziato che i vegetariani hanno uno stile di vita più corretto, sono più attivi fisicamente, fumano meno e bevono meno alcol, ma hanno un aumento di attacchi cardiaci rispetto a chi segue un’alimentazione ricca di carne”, conclude Scatozza.
E’ fondamentale prendere misure preventive per assicurare un apporto adeguato di vitamina B12, ricorrendo al consumo regolare di integratori fin da bambini: gli stati carenziali di questo gruppo vitaminico possono infatti ridurre il potenziale di crescita staturale, ma sono anche in grado di causare danni irreversibili sullo sviluppo cognitivo e psichico. La disponibilità di opportuni integratori alimentari può consentire di prevenire il rischio di deficit nel pieno rispetto dei presupposti della dieta vegetariana.
Pubblicato il 28 febbraio 2017
M.S.

Indietro


Torna ai contenuti | Torna al menu