Rossetti per labbra: un’indagine Altroconsumo

Alcuni tra i rossetti presi in considerazione da Altroconsumo possono mettere a rischio la salute di chi li utilizza. L’analisi ha escluso la presenza di metalli pesanti (piombo, cadmio, arsenico, mercurio) in tutti i brand considerati.

Tuttavia sono stati rilevati oli minerali, sostanze che derivano dalla raffinazione del petrolio e sono presenti nella maggior parte dei prodotti analizzati e che per legge dovrebbero essere trattati fino a eliminare residui pericolosi e sostanze potenzialmente cancerogene: si tratta dei cosiddetti Mosh (Mineral oil saturated hydrocarbon – Idrocarburi saturi degli oli minerali) e Moah (Mineral oil aromatic hydrocarbon – Idrocarburi aromatici degli oli minerali). Questi ultimi, in particolare, possono accumularsi nei tessuti e causare microgranulomi (nella milza, nel fegato e nei linfonodi).

Quindi via libera agli oli minerali che risultino privi di Mosh e Moah (Tabella).
Ma gli esperti ci mettono in guardia!
Prima di acquistare un rossetto o un burrocacao, verificare bene l’etichetta: non devono essere presenti alcuni ingredienti che potrebbero contenere residui a rischio per la salute se ingeriti: Cera Microcristallina o Microcrystalline Wax, Ceresin, Hydrogenated Microcrystalline Wax, Hydrogenated Polyisobutene, Ozokerite, Paraffin, Paraffinum Liquidum, Petrolatum, Polybutene, Polyethylene, Polyisobutene, Synthetic Wax.

Un commento su “Rossetti per labbra: un’indagine Altroconsumo”

  1. Wow, incredible blog structure! How long have you ever been blogging for? you make blogging glance easy. The total look of your site is wonderful, let alone the content material!!

Lascia un commento