Negli ultimi mesi, la LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori)  ha lanciato diversi appelli alle Istituzioni per potenziare il sostegno ai malati oncologici, ancora più provati da paura e solitudine a causa della pandemia.

Con il lockdown e la paura di poter contrarre il virus, molti pazienti hanno rinviato interventi, visite e terapie. Si stima che non siano stati eseguiti oltre un 1 milione e mezzo di screening senologici: questo ci costerà caro, sia in termini di nuove diagnosi che di spesa sanitaria” ha commentato il Presidente Nazionale della LILT Francesco Schittulli.

La consueta iniziativa LILT For Women – campagna Nastro Rosa, necessita quest’anno della massima attenzione: il tumore della mammella continua a essere il “Big Killer” delle donne, anche se meno letale in virtù delle terapie più mirate e delle campagne di screening molto efficaci. L’incidenza del tumore è tuttavia in crescita e colpisce anche donne giovani, nella fascia d’età 30-35 anni.

Grazie alla campagna Nastro Rosa, per tutto il mese di ottobre sarà possibile sottoporsi a visite senologiche gratuite presso le associazioni provinciali LILT e nei circa 400 ambulatori attivi sul territorio nazionale; le donne potranno prenotare la visita al numero verde SOS LILT 800 998877.

Per approfondire, visita il sito dell’associazione: https://www.lilt.it